Packaging Lusso: scatole per oreficeria e gioielleria

Descrizione e caratteristiche delle scatole per confezionare gioielli, anelli, collane e bracciali

 


Scatole in cartone, scatole in cartoncino, rivestimento esterno, divisori interni…. tante informazioni a volte molto tecniche e difficili da capire qual'è il prodotto di cui necessitiamo per il nostro packaging.
Siamo qui ora ad analizzare una nicchia di prodotti, un sottoinsieme di prodotti ma molto importante: il packaging di lusso per le gioiellerie , oreficerie o bigiotterie . Scatole quindi di un certo valore ed eleganza: scatole per confezionare gioielli, anelli, collane, bracciali, orecchini, ciondoli, pietre preziose e tanto altro ancora che è possibile acquistare in questi negozi.

Avventuriamoci quindi in nelle varie caratteristiche di queste scatole.

Scatole per gioielli : come sono fatte?

I formati posso essere vari, in genere sono tutte scatole basse, con base quadrata per la maggior parte, soprattutto quelle piccole per confezionare anelli ed orecchini, mentre quelle più grandi, per collane o bracciali, possono avere la base quadrata oppure una forma più allungata. Anche i modelli possono essere vari, dalle scatole con coperchio annesso, a quelle a cofanetto, a quelle fondo e coperchio (separati). La caratteristica importante è comunque che la scatola sia ben rifinita, una linea elegante e curata e con materiali non scadenti. Al suo interno andrà un oggetto prezioso o che comunque deve essere percepito come tale e che quindi deve essere ben valorizzato. Evitare soluzioni troppo approssimate. Da notare che per quanto una confezione con queste caratteristiche può non essere economica, parliamo sempre di valori alti del rapporto valore del prodotto/ costo packaging.

Hanno un rivestimento esterno?

Abbiamo detto che questo tipo di scatole devono essere ben rifinite. Questo lo si ottiene anche dando un rivestimento esterno che può essere in carta pregiata di varia tonalità e tipologia (cartoncino goffrato, cartoncino lucido, cartoncino glitterato) o altro materiale come simil pelle o velluto. La linea, elegante, moderna o classica che sia, dipende molto dalla ricopertura esterna più che dalla forma della scatola.

Hanno un interno sagomato?

Assolutamente si, anzi forse è questa la caratteristica più distintiva di questo tipo di packaging. Infatti, seppur differenziato nei suoi materiali, come il mutopren, velluto, similpelle, l’interno sagomato è necessario per posizionare l’oggetto e per esaltarne le sue caratteristiche. Più che la dimensione della scatola fine a se stessa, questi articoli si differenziano per cosa possono contenere grazie all’interno appropriato: ci saranno quelli adatti alle collane, ai bracciali, agli anelli, alle fedi nuziali.

Si possono personalizzare?

Si, la personalizzazione più diffusa è a caldo con l’utilizzo di colori lucidi come oro e argento. Manco a dirlo questo tipo di personalizzazione si sposa benissimo con tutto il contesto: gli oggetti di lusso del negozio, l’oggetto contenuto spesso in oro o argento, l’eleganza necessaria da dare alla confezione.

Quale linea utilizzare?

Beh molto dipende dai gusti anche se un ragionamento lo farei in base alla clientela del negozio e al prodotto che sto vendendo. Un prodotto più classico probabilmente piace di più a persone di una certa età che prediligono soluzioni molto eleganti: colori scuri, nero o blu soprattutto, una linea classica a volte anche con decorazioni o magari rivestita in pelle o velluto. I ragazzi invece preferiscono linee pulite e colori chiari e sono aperti per soluzioni innovative come la luce al led che si accende all’apertura della scatola.



Photo by Jess @ Harper Sunday on Unsplash